Su questo sito utilizziamo cookie tecnici e, previo tuo consenso, eventuali cookie analitici di terze parti. Se vuoi saperne di più ed esprimere la tua scelta circa l'utilizzo dei cookie analitici clicca qui. Cliccando in un punto qualsiasi dello schermo, effettuando un'azione di scroll o chiudendo questo banner, invece, presti il consenso all'uso di tutti i cookie.
  • adv01

Al Governo e al Parlamento

La pressione fiscale sulla birra in Italia è fra le più alte in Europa. E continua ad aumentare.

Una situazione insostenibile per i 35 milioni di italiani che bevono birra, per i 500 produttori italiani e per le 136.000 persone che lavorano con e nel settore.

Chiediamo al Governo e al Parlamento di ridurre la pressione fiscale sulla birra.

 

Negli ultimi 15 mesi le accise sulla birra sono aumentate del 30%, con il risultato che oggi quasi un sorso su due della nostra birra se ne va in tasse.

È una situazione insostenibile. Per i 35 milioni di italiani che hanno il piacere di bersi una birra, per gli oltre 500 produttori italiani e per le 136.000 persone che lavorano con e nel settore della birra nel nostro Paese.

Una situazione che è ancora possibile cambiare, continuando a sostenere la nostra campagna e chiedendo al Governo e al Parlamento di ridurre la pressione fiscale sulla birra.

Ridurre le tasse sulla birra è giusto per tanti buoni motivi.

  • La birra è l’unica bevanda da pasto tassata con le accise in Italia, e i nuovi aumenti rendono ancora più iniqua questa discriminazione.
  • Le accise sulla birra colpiscono una bevanda naturale e poco alcolica, bevuta da 35 milioni di persone a casa, in pizzeria, al bar, al ristorante. Un prodotto popolare e di massa, per cui gli aumenti delle accise incidono soprattutto sulle fasce più deboli della popolazione, i consumatori a più basso reddito.
  • Con meno tasse il settore birrario può continuare a creare occupazione e opportunità imprenditoriali per i giovani, come sta facendo da qualche anno. Negli ultimi 5 anni, ad esempio, sono nate 300 microaziende birrarie, ad opera perlopiù di under 35.
  • Con nuove tasse invece aumentano i prezzi, e l’inevitabile riduzione dei consumi di birra rischia di non portare alle casse dello Stato l’aumento di gettito atteso. È già successo in molti Paesi europei. In Gran Bretagna, ad esempio, a fronte di forti, progressivi aumenti delle accise sulla birra, il gettito fiscale è addirittura diminuito.

Se non si riducono le tasse sulla birra si rischia di mettere in ginocchio un settore dove operano oltre 500 aziende tra marchi storici e microbirrifici artigianali. Un settore che dà lavoro direttamente a 4.750 persone, che salgono a 136.000 con l’indotto allargato.

Un settore italiano, diffuso sul territorio, che esporta lo stile di vita e la qualità italiana nel mondo, che non delocalizza e contribuisce alla crescita e allo sviluppo dell’agricoltura, della ristorazione e dei pubblici esercizi.

Un comparto giovane, che dà ricchezza al Paese e che ha grandi potenzialità di generare sviluppo e occupazione, soprattutto giovanile.

È arrivato il momento che la politica e le Istituzioni riducano la pressione fiscale sulla birra e mettano in condizione i 500 produttori di birra italiani di realizzare questo potenziale contribuendo a sostenere la ripresa dell’economia.

Per tutte queste ragioni ti invitiamo a firmare l’appello al Governo e al Parlamento italiano a ridurre la pressione fiscale sulla birra.

 
FAI SENTIRE LA TUA VOCE PER RIDURRE LE ACCISE SULLA BIRRA.
SOSTIENI ANCHE TU LA NOSTRA CAMPAGNA.
FIRMA ORA!

Perché l’accisa è una tassa che paghiamo tutti noi. Ogni volta che beviamo una birra. In pizzeria, a casa, ovunque.

 

 

 

Assobirra sostiene il consumo responsabile di birra Bevi Responsabile Assobirra