Su questo sito utilizziamo cookie tecnici e, previo tuo consenso, eventuali cookie analitici di terze parti. Se vuoi saperne di più ed esprimere la tua scelta circa l'utilizzo dei cookie analitici clicca qui. Cliccando in un punto qualsiasi dello schermo, effettuando un'azione di scroll o chiudendo questo banner, invece, presti il consenso all'uso di tutti i cookie.
  • adv01

Con l’aumento delle tasse sulla birra si perdono 2.400 posti di lavoro.

 

La birra è l’unica bevanda da pasto tassata con le accise in Italia, e in soli 15 mesi (ottobre 2013-gennaio 2015) Governo e Parlamento hanno deciso di aumentarle ancora del 30% rendendo ancora più iniqua questa discriminazione.

Eppure, come dimostra uno studio del 2014 di REF Ricerche, quando aumentano le accise si riducono i consumi e le entrate dello Stato cambiano poco. Ma l’effetto depressivo di questi aumenti sull’occupazione, soprattutto giovanile, è ben più duro: 2.400 posti di lavoro in  meno nelle aziende birrarie e in tutta la filiera: in agricoltura, nella distribuzione, nei bar e ristoranti.

Web

 

E invece con meno tasse il settore birrario può continuare a creare occupazione e opportunità imprenditoriali per i giovani: negli ultimi anni sono nati centinaia di microbirrifici. E ogni posto di lavoro in una azienda birraria genera 28 posti di lavoro nella filiera.

AB_lavoro_infografica_ref_03

 

Dossier Studio REF 2014 [download.pdf]

Infografica Impatto Aumenti Accise [download.zip]

Infografica Accise Tassa Regressiva [download.zip]

Infografica Posti Lavoro Birra [download.zip]

 

Con l’aumento delle tasse sulla birra si perdono 2.400 posti di lavoro #
bastatassesullabirra #stopaumentoagennaio.


 

Assobirra sostiene il consumo responsabile di birra Bevi Responsabile Assobirra